Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Logan - Recensione

06/03/2017 | Recensioni |
Logan - Recensione

Ruvido, arido, completamente distaccato dai classici cinecomic Marvel, Logan - Wolverine, il capitolo finale della saga dedicata a questo X-Man, arriva sul grande schermo stravolgendo il genere e regalando un film quasi d'autore, un mix di azione, commozione e, novità, anche qualche parolaccia, unita ad una brutale violenza!

Il film è ambientato nel futuro (2029): sono 25 anni che non nascono più mutanti e quelli che sono sopravvissuti sono degli emarginati, in via di estinzione. Logan/Wolverine (Hugh Jackman) vive facendo l'autista di limousine e la sua capacità di rigenerazione non funziona più come un tempo, mentre il Professor X (Patrick Stewart) ha novant'anni ed un controllo dei poteri psichici sempre meno sicuro. Quando una donna messicana cerca Logan per presentargli una bambina misteriosa di nome Laura (Dafne Keen), nuove attenzioni e nuovi guai cominciano a raggiungere i mutanti.

Hugh Jackman affila i famosi artigli e sfoga tutto il suo tormento in faccia allo spettatore, sin dai primi fotogrammi: una carneficina in grande stile apre le danze promettendo colpi di scena! A cominciare da uno spiazzante ribaltamento narrativo, così come una realizzazione originale ed estranea al genere, dell'intero film.

Con Logan – Wolverine non si è infatti davanti al classico blockbuster. Il personaggio più amato degli X-Men appare fin da subito come un essere tormentato, stanco di vivere; reagisce al dolore solamente con violenza e distacco, lontano anni luce da qualsiasi tipo di affetto umano.

Le sue cicatrici interiori sono molto più laceranti delle esteriori, che si autoinfligge cercando un significato alla sua esistenza. Ben presto questa arriva! Una nuova avventura ed una nuova ''compagna'' d'artigli, squarcerà il velo nero di dolore, dando l'input conclusivo a questa saga, che riserva un capitolo finale degno di nota.

Il film di James Mangold entra nel paradiso Marvel, marchiando a fuoco l'anima di Wolverine, un personaggio scavato e approfondito emotivamente. Il regista non si preoccupa di nulla, ribalta la fattura del blockbuster e si concentra sulla ruvidezza della pellicola, così come la brutalità di Wolverine e della piccola Laura (una Dafne Keen molto promettente), dimostrando che le scelte di semplicità, premiano.

C'è azione, scorre sangue, scappa qualche parolaccia, ma ciò che risalta di più è ancora una volta la questione di diversità razziale, così come il senso di appartenenza e l'importanza del valore famiglia.
Non solo intrattenimento, anzi, è proprio ridotto all'osso, Logan – Wolverine è un vero e proprio film d'autore, profondo, realizzato con stile, che lascerà una traccia indelibile nella storia dei cinecomic.

Alice Bianco

 


Facebook  Twitter  Invia ad un amico  Condividi su OK Notizie 
 

Notizie in evidenza

Collabora con Voto 10
AA IMMOBILIARE - Agenzia e Servizi Immobiliari - Gestioni immobili, compra-vendita, ristrutturazioni, stime,  locazioni, permute
Seguici su Facebook Seguici su Google Plus Seguici su Twitter
Seguici su YouTube Registrati alla nostra Community Abbonati al nostro feed rss

I CINEMA DELLA TUA PROVINCIA

Advertising   Chi siamo   Collabora con Noi   Cookie Policy   Privacy   Termini e Condizioni d'Uso   Web TV  
 
Registrati   Login    HOME
Cerca
powered by Romavirtuale.com